7 aprile 2013

7.4.2013 Milano - LA (MIA) MARATONA PERFETTA di F. De Palo

Dite quello che volete di Milano: che è fredda o addirittura ostile nei confronti dei podisti, che gli organizzatori della Maratona o della Stramilano qualche cazzata la combinano sempre, che i partecipanti non sono mai i tanti abbastanza per fare della Milano City Marathon una maratona con la "M" maiuscola. Tutto (quasi) vero, di solito.
Ma io oggi ho vissuto ed ho corso la mia maratona perfetta, e non mi vergogno a scriverlo.
Nonostante non sia più un trentenne, sono arrivato alla Fiero di Rho senza nemmeno ilo minimo acciacco, cosa che raramente capita ad un amatore come me. E con una preparazione finalmente fedele alle tabelle che mi ero procurato e prefissato.
Il clima e la temperatura per correre 42,195 km erano semplicemente perfetti.
La partenza ritardata di soli 2 minuti
(neanche nelle corse che si fanno in Svizzera sono così puntuali).
La diretta TV (che io non ho visto, ovviamente) su LA7, che ci ha fatto sentire tutti un po' delle stars.
Il percorso modificato così da aver incrociato solo pedoni.
La domenica ecologica voluta dal sindaco Pisapia che si è rivelato un regalo graditissimo per tutti noi maratoneti, e per tutti i milanesi intelligenti. Speriamo diventi una tradizione consolidata.
I ristori, lungo il percorso, addirittura ogni 2,5 km, anziché ogni 5.
Quei quattro o cinque sconosciuti che, dal pubblico, mi hanno gridato "vai Podismo e Cazzeggio!!!"
Il sole all'arrivo ( verso le 12,30) che ha reso davvero piacevole l'utilizzo delle aiuole nella zona del ristoro finale come spogliatoi all'aria aperta. E' stato piacevole cambiarsi lì perché così, in mutande o a piedi nudi,  abbiamo potuto aspettare e vedere arrivare i nostri amici, quelli più lenti di noi ma non per questo meno bravi di noi.
E poi, ciliegina sulla torta, il mio tempo finale che non interesserà a nessuno (giustamente) ma che spiega P&C PODISMOeCAZZEGGIO il titolo che ho scelto per queste poche righe: 3 06' 36" è uno di quei "personal best" che io, ultra-cinquantenne, non mi sarei mai sognato. Io avrei fatto i salti di gioia per vedere sul cronometro all'arrivo, mentre ci passavo sotto, la cifra 3 10 59. E invece sono arrivato oltre 4 minuti prima.
Quindi, per favore, non chiedetemi di elencare eventuali magagne riscontrate in questa giornata, che pure ci saranno state. Ma oggi (per me) è stato solo il giorno della gioia pura.
Francesco De Palo
servizi fotografici
***

8 commenti:

  1. Grandissimo !!!! semplicemente il numero 1 !!!

    RispondiElimina
  2. Bagài, io non sono uno sconosciuto!

    RispondiElimina
  3. Ben scritto Francesco! Bravissimo! .. ah dimenticavo Io sì che ero sconosciuta ma quando hai alzato le braccia sono stata felice di incitarti! ciao ciao

    RispondiElimina
  4. gioia che trasmetti benissimo con il tuo racconto Francesco ! .... di nuovo ...complimenti :)
    Monica

    RispondiElimina
  5. sei un grande...e mi hai fatto venire voglia di fare la mia prima maratona!!!!
    Liuc

    RispondiElimina
  6. condivido in pieno!...e commplimentissimi per il personale
    W P&C!

    RispondiElimina
  7. Francesco De Palovenerdì, 12 aprile, 2013

    Compa, hai ragione, tu mica sei uno sconosciuto! Ma sei stata una sorpresa talmente inaspettata, che ci ho messo qualche km prima di riconoscerti. Però, che figata anche il tuo saluto, poco prima dell'arrivo! Grazie.

    RispondiElimina
  8. Francesco De Palovenerdì, 12 aprile, 2013

    Grazie Monica, grazie Simo, grazie Ma ciò, grazie Anonimo, grazie Liuc: siete tutti troppo teneri :-)

    RispondiElimina

Il vostro commento sarà visibile dopo verifica del moderatore.
Grazie